Textfeld: Homepage created by: C. Loose ©; last update 09.12.2017; Homepage seit 3/2011

LETTERATURA

SCHEMA THERAPY PER BAMBINI

- Galimzyanova M.V., Kasyanik P.M., Romanova E.V., The effectiveness of a schema-focused approach in managing work stress// Materials of 10th Conference of European  Academy of Occupational Health Psychology 11-13 April 2014 ETH London, Great Britain–International House, Jubilee campus, Wollaton Rd, Nottingham, 2014; p. 205-206.

- Loose, C & Graaf, P. (2014). Schematherapie mit Kindern. DVD-Videolearning. Weinheim: Beltz

- Loose, C, Graaf, P, & Zarbock, G. (2013). Schematherapie mit Kindern und Jugendlichen. Weinheim: Beltz (Prossimamente, saranno pubblicate le edizioni inglese e italiana

    a cura, e dell‘ Istituto di Scienze Cognitive Srl)

- Loose, C, Graaf, P, & Zarbock, G. (2015). Störungsspezifische Schematherapie mit Kindern und Jugendlichen. Weinheim: Beltz

 

SCHEMA THERAPY PER ADULTI

– Arntz, A. & Jacob, G. (2012). Schema Therapy in Practice: An Introductory Guide to the Schema Mode Approach. John Wiley & Sons. (Trad. it., Schema Therapy in azione. Teoria e pratica, Istituto di Scienze Cognitive Srl, 2013)

– Rafaeli, E., Bernstein, D.P., & Young, J. (2011). Schema Therapy (CBT Distinctive Features). Taylor & Francis.

– Roediger, E. (2011). Praxis der Schematherapie. Stuttgart: Schattauer.

– Vreeswijk, M. van, Broersen, J. & Nadort, M. (2012). The Wiley-Blackwell Handbook of Schema Therapy: Theory, Research and Practice. John Wiley & Sons (trad. it., Manuale di Schema Therapy. Teoria, ricerca e pratica, Istituto di Scienze Cognitive Srl, in corso di stampa)

– Young, J., Klosko, J. & Weishaar, M. E. (2006). Schema Therapy: A Practitioner’s Guide. Guilford Pubn. (trad. it.: Schema Therapy, La terapia cognitivo-comportamentale integrata per i disturbi della personalità, Eclipsi,Firenze, 2007)

 

SCHEMA THERAPY DI GRUPPO

– Farrell, J.M. & Shaw, I.A. (2012). Group Schema Therapy for Borderline Personality Disorder: A Step-by-Step Treatment Manual with Patient Workbook. John Wiley & Sons. (Trad. it., Manuale sulla Schema Therapy di gruppo per il disturbo borderline di personalità, Istituto di Scienze Cognitive Srl, 2013)

 

 

  

In Collaborazione con 

Workshop di follow-up sulla Schema Therapy per bambini e adolescenti: Download

Scarica e leggi GRATUITAMENTE il primo capitolo del libro. link

La Schema Therapy (ST), elaborata da Jeffrey Young, si identifica come un perfezionamento, nonché un ulteriore

sviluppo, della Terapia cognitivo-comportamentale (TCC). In particolare, questa terapia integra emozioni e aspetti legati allo sviluppo, centrali da un punto di vista diagnostico e terapeutico, a un modello basato sugli schemi, i mode e i bisogni primari, analizzandone il “destino” durante l’intero corso della vita. La ST – intesa come variante tecnica e strategica della TCC – sembra quindi particolarmente favorevole, soprattutto nell’ambito delle terapie rivolte a bambini e adolescenti, allo sviluppo di strumenti diagnostici e terapeutici in grado di orientare efficacemente l’azione. Questo workshop di follow-up si basa sui contenuti esaminati durante il workshop introduttivo sulla Schema Therapy per bambini e adolescenti e/o il training in ST-BA. La partecipazione a uno dei suddetti eventi – o, in alternativa, a un training sulla Schema Therapy per gli adulti – è un prerequisito per la partecipazione al workshop di follow-up.

Programma del workshop: Breve riassunto (circa mezza giornata) del modello concettuale della ST e degli elementi che lo compongono: gli schemi, i mode, le strategie di coping, i bisogni primari, i fattori temperamentali, il concetto di reparenting limitato e l’importanza del “confronto empatico”. Durante la sessione pomeridiana della prima giornata, sarà effettuato l’esercizio dell’intervista a un mode disfunzionale; inoltre, saranno analizzate le diverse tecniche per gestire i mode critici/punitivi attraverso l’utilizzo di una serie di dialoghi  con le sedie, da selezionare in base all’intensità e l’impatto negativo che la voce del mode critico/punitivo ha sul paziente.

Il secondo giorno sarà dedicato maggiormente all’utilizzo delle carte sui mode, particolarmente indicate per lavorare con gli adolescenti e i giovani adulti. Saranno introdotte e integrate le due diverse tipologie di carte sui mode (Graaf, 2016 a; 2016 b).

Inoltre, i partecipanti apprenderanno a preparare e istruire il paziente affinché quest’ultimo sia in grado di a) identificare i propri mode, b) collegare i diversi mode a quello del bambino vulnerabile e c) analizzare le funzioni dei mode di coping, per comprendere i principali messaggi – di natura cognitiva ed emotiva  – inviati da ciascun mode. Dopo aver integrato e rafforzato il proprio mode dell’adulto/teenager sano o del bambino intelligente & saggio all’interno del modello dei mode e aver identificato soluzioni appropriate per gestire situazioni difficoltose, il paziente si trova dinnanzi a un interrogativo cruciale: cosa può fare quando determinate situazioni fungono

da trigger, causando un’attivazione?

Oltre a esaminare questi aspetti importanti, il workshop permetterà ai partecipanti di analizzare/esplorare gli schemi positivi del paziente, che potrebbero aiutarlo a rafforzare la fiducia in sé stesso, assumere un atteggiamento coraggioso e sviluppare la capacità di affrontare gli schemi maladattivi in modo adattivo.

A questo proposito, sarò effettuato un esercizio immaginativo che

consentirà ai partecipanti di imparare a creare un “ponte

affettivo positivo” tra il paziente e un caregiver significativo

(all’interno di una scena biografica), partendo da uno schema

positivo (almeno parzialmente) sviluppato.

Oltre a fornire ai partecipanti una panoramica completa dei

principali fondamenti teorici della ST-BA, questo workshop di

follow-up sarà caratterizzato da numerose dimostrazioni pratiche

basate sull’utilizzo di immagini, dimostrazioni dal vivo e altri

esercizi volti a mettere in pratica quanto appreso a livello

teorico.

 

 

Workshop di follow-up sulla

Schema Therapy per bambini e adolescenti (ST-BA)